Minori in stato di messa alla prova

Nel 2009 ONMIC inizia una collaborazione con il Ministero della Giustizia – Dipartimento Giustizia Minorile – Ufficio Servizio Sociale Minorenni per la messa alla prova (art.28 DPR 448/88) per l’accoglienza di minori che hanno problematiche giudiziarie al fine di coinvolgerli in percorsi di recupero educativo e sociale. Questo servizio è rivolto ad adolescenti italiani e stranieri in carico al servizio sociale per ragioni penali (D.P.R.448/1988 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di minorenni). Con il provvedimento della messa alla prova il processo viene sospeso e il minore viene affidato ai servizi minorili dell’amministrazione della giustizia che, anche in collaborazione con i servizi socio-assistenziali degli enti locali, svolgono nei suoi confronti attività di osservazione, sostegno e controllo. Attività: Interventi riparativi e di recupero individuali e collettivi al fine di promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale dei minori, italiani e stranieri e per la promozione di una maggior consapevolezza di sé. Si vuole aiutare i ragazzi a costruire nuove modalità e strategie per affrontare situazioni che quotidianamente vivono (situazioni di conflitto in famiglia, con i pari, a scuola, con le istituzioni, ecc). Progetto in corso: Il progetto offre un accompagnamento educativo nello svolgimento di attività socialmente utili individuali di minori sottoposti alla procedura di messa alla prova (DPR 448/88) e pre-messa alla prova, che per ragioni di residenza, domicilio o attività professionali/scolastiche gravitano nell’ambito territoriale distrettuale. Il percorso educativo con il singolo ragazzo prevede, in ottica sistemica ed esistenziale, un sostegno individuale alla rielaborazione sia dei vissuti legati al reato commesso e al percorso socialmente utile intrapreso, sia delle relazioni con il contesto familiare e la situazione lavorativa e scolastica.