Sedi e delegazioni


sedi
Il Delegato è nominato dalla Presidenza e ha il compito nel rispetto dello Statuto di rappresentare presso le istituzioni pubbliche e private gli interessi dell’Associazione e promuovere in ambito del territorio di riferimento tutte le iniziative necessarie per la diffusione degli intenti istitutivi e fondanti.
Il Delegato diviene Presidente della sede periferica di appartenenza a seguito di elezione democratica dall’assemblea dei soci e risponde degli impegni assunti in ambito locale e delle iniziative portate avanti sul territorio partecipando in via autonoma con il proprio Codice Fiscale Identificativo alle varie attività consentite dalla normativa vigente.
Tutte le sedi periferiche dell’Associazione sono finanziariamente ed amministrativamente autonome, ogni sede dispone di un Codice Fiscale Identificativo Autonomo e di un proprio Presidente/Responsabile legale della sede. Le sedi periferiche partecipano in via autonoma ai bandi pubblici territoriali per assegnazione di contributi regionali, provinciali e comunali per l’affidamento e la gestione di servizi sul territorio assumendo in via diretta oneri e responsabilità nei confronti degli enti locali eroganti ed ivi addetti alla verifica della corretta gestione dei servizi.
In ottemperanza del Deliberato n. 2 del 18.02.2011 le sedi periferiche non sono più tenute a versare alla sede nazionale quota parte del tesseramento locale che viene trattenuta sul territorio di appartenenza e pertanto gestita in via autonoma.
Le sedi periferiche, infine, sono tenute a conservare esclusivamente presso le loro sedi le rendicontazioni, le relazioni e tutti gli atti giustificativi di spesa come ai sensi di legge; esse infatti dispongono un proprio Consiglio Direttivo (organismo deliberante), di un Revisore dei Conti (organismo di controllo) e fanno riferimento all’Assemblea degli Associati della sede (organo sovrano-democratico).
La Presidenza, dal suo canto, si riserva nei confronti delle sedi periferiche la facoltà di controllo amministrativo circa l’osservanza dei sistemi contributivi e delle disposizioni emanate in materia amministrativa e finanziaria esclusivamente nel caso in cui vengano assegnati e ripartiti alle sedi affiliate contributi per attività o progetti di rilevanza Nazionale ex leggi n. 476 del 1987 e n. 438 del 1998 e legge n.383 del 2000.